FRANCESCO PALAZZINI 

Coordinatore e Capogruppo di Fratelli d’Italia per il Comune di Arezzo

FRANCESCO PALAZZINI 

Coordinatore e Capogruppo di Fratelli d’Italia per il Comune di Arezzo

Istituito con la legge del 30 marzo 2004 n. 92, con Ignazio La Russa primo firmatario, il giorno del ricordo vuole “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”.
La prima volta che ho avuto modo di leggere la parola foiba è stata in 5a Liceo: le foibe, sul mio libro di storia, venivano definite un luogo in cui gli italiani andavano a togliersi la vita. Da quel giorno di quasi 30 anni fa, sono stati fatti molti passi avanti per restituire a tutti noi la giusta definizione di quello che fu una immane tragedia. Uno degli importanti passi avanti fatti riguarda il nostro territorio comunale che, grazie all’attuale Ass. Giovanna Carlettini, si pregia di avere un luogo dedicato al ricordo dei martiri delle foibe. Oggi in largo Martiri delle Foibe ad Arezzo è posta una pietra carsica proveniente dalla foiba di Basovizza e domani, 10 febbraio, andremo a deporre lì un omaggio floreale in memoria dei nostri concittadini caduti.